13 maggio 2015

Tagliatelle con ragù di salsiccia podolica: quando due tradizioni si fondono in un unico piatto

 La seconda ricetta del contest organizzato da Foodscovery e Cucina Semplicente 
in collaborazione con Selezione Sabatino ha come protagonista la salsiccia di podolica.

Foodscovery è l'innovativo marketplace, che ha lo scopo di rendere accessibile a chiunque in Europa l'eccellenza del cibo targato Made in Italy, con tempistiche istantanee.
Cucina Semplicemente valorizza e promuove i volti del benessere e della cultura gastronomica con una profonda attenzione per la salute, il territorio e la storicità.
Michele Sabatino è un rinomato macellaio di Apricena (FG), figlio di pastori, che ha voluto onorare la sua terra, le sue origini e i suoi profumi proponendo ai suoi clienti una selezione di carni d'eccellenza allevate allo stato brado o semibrado: 
capra garganica, maiale nero dei Monti Dauni e vacca podolica.

L'incontro tra FoodscoveryCucina Semplicemente e la storica Macelleria Sabatino ha dato origine a questo contest, dedicato alla famosa carne podolica: hamburger, salsiccia e musciska.
La podolica è un'eccellenza pugliese.
L'origine del termine "podolico" riconduce geograficamente alla Podolia, una regione dell'Ucrania. Sembra che la razza podolica sia stata introdotta in Italia dagli Unni intorno al 452, per poi diffondersi, dopo la caduta dell'Impero Romano, lungo tutta la costa adriatica 
e particolarmente in Puglia.
Secondo alcuni studi, l'allevamento podolico è quello con minor impatto ambientale e molto attento al benessere dell'animale. Il tutto con un risvolto positivo sul prodotto finito, sia a livello nutrizionale che sensoriale, che risulta essere salubre e ricco di nutrienti, quindi qualitativamente eccellente.

La salsiccia podolica che ho utilizzato in questa ricetta ha un profumo intenso, aromatico e persistente. La gustosa carne di vacca podolica, allevata allo stato brado sulle alture del Gargano, è infatti insaporita dalla pregiata pancetta del maiale nero dauno, dal pepe nero e dalla fresca fragranza dei semi di finocchio.
Ingredienti: 95% polpa di vacca podolica, 5% pancetta di maiale nero Dauno,
pepe nero e semi di finocchio.

Creare il classico ragù della nostra tradizione con la salsiccia podolica, un'eccellenza pugliese dal gusto e dalla consistenza unici, è stato una piacevole scoperta di profumi e aromi davvero fantastici!    Per assaporarne meglio il gusto non ho sbriciolato la salsiccia, ma l'ho tagliata in piccoli pezzettini, così che a ogni forchettata potevamo gustarne il suo sapore intenso e fresco!


Ingredienti (per 2 persone):
160 gr di tagliatelle fresche (io homemade)
3 salsicce podoliche
1/2 cipolla bionda
una ventina di pomodori Vesuvio
1 cucch.ino di olio EVO

Procedimento:
Tagliate i pomodori a tocchetti, metteteli in un tegame antiaderente e fateli semplicemente appassire (a me piace il pomodoro non troppo cotto perchè così non perde il suo gusto e le sue proprietà). Passateli al passaverdure e teneteli da parte.

Spellate le salsicce e tagliatele a piccoli pezzettini, quindi mettetele a rosolare per pochi minuti in un tegame antiaderente a fuoco vivace. Togliete e mettete da parte anche queste. 

Sbucciate la cipolla e tagliatela a fettine sottili, fatela appassire con un cucchiaino di olio EVO in un tegame antiaderente piuttosto grande. Quindi aggiungete le salsicce e lasciatele insaporire con la cipolla a fuoco basso per un paio di minuti, poi aggiungete anche la passata di pomodoro e lasciate amalgamare il tutto, sempre a fuoco basso, per una decina di minuti.

Nel frattempo portate a bollore una pentola di acqua leggermente salata e buttatevi le vostre tagliatelle. Quando saranno pronte, scolatele e conditele con il ragù versandole direttamente nel tegame antiaderente.
Servite subito!


Con questa ricetta partecipo al contest di Cucina Semplicemente Selezione Sabatino:

http://www.cucinasemplicemente.it/selezione-sabatino/




2 commenti: