29 giugno 2016

Focaccia genovese

Questa focaccia è quella che preferisco proporre ai corsi, perché è la più semplice da realizzare e per me anche la più buona!
Quando ho tenuto il corso di cucina all’Hotel Villa Edera a Moneglia mi hanno detto che era la prima volta che mangiavano una buona focaccia genovese senza glutine e ciò mi ha reso davvero felice :-)
La focaccia genovese deve risultare croccante fuori e morbida dentro e, come ha detto Francesca, la proprietaria dell’hotel, non deve piegarsi in mano!


 Visitate anche la mia pagina Facebook per scoprire le nuove date dei mie corsi di cucina
Mettete mi piace e rimarrete sempre aggiornati anche sulle ricette!!!!

:-) :-)



Ingredienti (per una teglia da forno 30x40):
380 cc di acqua
2 gr di lievito di birra fresco
500 gr di farina Senzaltro per pane
50 gr di olio EVO
12 gr di sale fine
Per l’emulsione:
20 cc di acqua
20 cc di olio EVO
1 cucchiaino di sale fine

Preparazione:
nella planetaria mettete l'acqua con la briciola di lievito, la farina e l'olio e avviatela con la foglia a bassa velocità. Quando l'impasto inizia ad amalgamarsi aggiungete il sale e aumentate la velocità. 
Fate andare per 4-5 minuti, quindi ribaltate l'impasto in una ciotola e chiudetela bene. Lasciatela a temperatura ambiente per mezzora, massimo un'ora, poi trasferitela in frigorifero (a una temperatura superiore a 5 gradi). Dimenticate il vostro impasto lì per 24 ore.

Togliete la ciotola dal frigorifero e senza togliere l'impasto dalla ciotola, lasciatelo a temperatura ambiente per 2 ore (massimo 4 ore nei mesi più freddi).

Accendete il forno a 230° e stendete l'impasto con le mani unte d'olio su una leccarda anch'essa unta d'olio e lasciatelo riposare coperto con un canovaccio mentre il forno si scalda.

Preparate l'emulsione sbattendo con energia con una forchetta gli ingredienti tra loro. Quindi praticate dei buchetti sulla focaccia con il manico di un cucchiaio di legno o con le dita e irrorate la focaccia.

Cuocete al secondo livello del forno a 230° per 20 minuti.





1 commento:

  1. Mamma che bontà!!!! una vera delizia ...poi a quest'ora!!! Bacione Mirta

    RispondiElimina